La Stampa
Written by Carlo Incarbone   

Cow-Boys subsonici

lettera a: La STAMPA (pubblicata il 28-Apr-2000)
il Giornale (pubblicazione da verificare)
Avvenire (pubblicazione da verificare)
Repubblica (pubblicazione da verificare)

in rosso le parti non pubblicate

Sembra che il GOVERNO ITALIANO contribuisca, coi NOSTRI SOLDI, anche se in percentuale minoritaria, all'INDENNIZZO delle vittime del Cermis. Incredibile... oltre a quello che sarà costato ricostruire l'impianto!

Quale sarebbe la colpa degli italiani?  Non abbiamo previsto funivie in grado di 'scansare' automaticamente eventuali pericoli?
Decisamente ridicolo...

No, forse l'unica nostra 'pecca' è quella di tollerare troppo facilmente che incoscienti 'cow-boys' subsonici facciano le loro
folli bravate sui nostri cieli, invece di lavorare in maniera responsabile e professionale alla difesa aerea occidentale.

E meno male che c'è la
Sinistra al governo: fosse stato qualche anno fa... si sarebbe gridato allo scandalo, con le solite accuse di asservimento all'imperialismo americano, giusto?


This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 
Written by Carlo Incarbone   

il 'bello' del PRELIEVO FORZOSO

lettera a: La STAMPA (pubblicata il 29-Apr-2000)
il Giornale (pubblicazione da verificare)
Avvenire (pubblicazione da verificare)
Repubblica (pubblicazione da verificare)

E' possibile che tra tutti i cittadini intervistati dai vari telegiornali (sul neo-capo del governo Amato) NESSUNO si sia ricordato del suo clamoroso PRELIEVO FORZOSO sui conti correnti degli italiani, nel 1992?

E il 'bello' del suddetto provvedimento, tra l'altro, fu il fatto che tale prelievo non venne proposto in funzione di una 'giacenza media' annuale o semestrale, cosa abbastanza logica ed equa, bensì sulla giacenza relativa ad una data specifica, oltretutto molto vicina (circa una settimana prima della 'pensata' governativa) ...facendo così emergere il giustificato sospetto che molti 'addetti ai lavori', sapendolo in anticipo, avessero potuto mettere al sicuro i loro quattrini!

Ma il 'dottor Sottile' può stare tranquillo: un popolo di ingenui pecoroni è pronto a farsi turlupinare chissà quante altre volte, non c'è problema.


This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 
Written by Carlo Incarbone   

il DOPPIO orgoglio

lettera a: La STAMPA (pubblicata il 19-Ago-2000)
il Giornale (pubblicazione da verificare)
Avvenire (pubblicazione da verificare)
Repubblica (pubblicazione da verificare)

Certo che, sapendo quanto tempo ci sarebbe voluto per 'dispiegare' i tecnologici soccorsi occidentali, mi chiedo COSA SAREBBE COSTATO ai nostri  'generaloni' atlantici PORTARE le suddette attrezzature NELLE VICINANZE del sommergibile russo APPENA RILEVATO IL PROBLEMA, e poi aspettare che i russi si decidessero a chiedere aiuto.

Mi sa che i poveri naufraghi sono rimasti vittime di DUE opposti orgogli, mica di uno solo!

This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 
Written by Carlo Incarbone   

Lo scandalo dei precari

lettera a: La STAMPA (pubblicata il 7-Lug-2oo1)
il Giornale (pubblicazione da verificare)
Avvenire (pubblicazione da verificare)
Repubblica (pubblicazione da verificare)


in rosso le parti non pubblicate

titolo originale:

Contratti a Termine ed Europa

Illustrissimi:

mentre il Governo, sul lavoro temporaneo, sostiene di essersi adeguato alle Norme Europee ed il Sindacato Cofferato grida allo scandalo, annunciando di fare Ricorso proprio alla Corte di Strasburgo...
qualcuno si ricorda che circa 150mila Docenti Precari vengono, dallo Stato stesso, licenziati e riassunti ad ogni fine anno scolastico, in modo che rimangano per lustri e lustri allo stipendio base?
E la cosa va avanti dal lontano '92 ...altro che il perentorio limite dei 36 mesi, raggiunto il quale il datore di lavoro sarebbe obbligato ad assumere a tempo indeterminato!

Fosse perpetrata da un privato, tale vergognosa 'pratica' farebbe scatenare in poco tempo il pretore di turno, ma portata avanti dallo Stato
(anche durante il mitico governo 'Sinistro') passa tranquillamente inosservata o, peggio ancora, censurata, in modo da assicurare al Bilancio del Bel Paese - sulla pelle degli 'ultimi' - un risparmio pari a DIVERSE CENTINAIA di MILIARDI ogni anno.

Carlo INCARBONE (Collegno,TO)
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it



NOTA: la Ragioneria dello Stato ha finalmente ammesso l'esistenza del 'risparmio' di cui sopra, qualche mese fa (v. ITALIA Oggi, 21 Nov.2ooo, inserto Azienda Scuola, pag.39), ma la cosa non ha oltrepassato i confini della ristretta cerchia degli 'addetti ai lavori'

una breve analisi di tali 'conticini' è anche rintracciabile all'indirizzo seguente:

 
Written by Carlo Incarbone   

Non bastano gli inviti

lettera a: La STAMPA (pubblicata il 5-Ott-2oo2)

titolo originale:

Messaggi Ecologici

illustrissimi:

vista la nuova serie di manifesti sull'invito a non abbandonare rifiuti (propri) o escrementi (dei propri cani) nell'ambiente... mi chiedo se chi ha deciso di investire denaro pubblico in quest'impresa abbia almeno controllato se tale spesa sia compensata dalle contravvenzioni effettuate nei confronti di chi bellamente ignora il problema.

Sì, perchè è inutile convincere il 95% dei cittadini a comportarsi in maniera civile: basta che rimanga un 5% di 'cafoni' ...e la 'spazzatura' (o la 'merda') la troviamo dappertutto, nè basta un esercito di spazzini per porvi rimedio.

A questo punto, il famoso 95% dei cittadini 'sensibilizzato' ha il diritto di sapere se le relative contravvenzioni vengono davvero fatte ...ed in maniera sufficiente a coprire i costi di certe 'campagne al vento'.


Carlo INCARBONE (Collegno,TO)

This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it
www.INCArlo.subito.cc

 
«StartPrev123NextEnd»

Page 2 of 3