Written by Carlo Incarbone   

 

2 Tavole

1 Torta

 

Come efficacemente sintetizzato dal disegno qui a fianco, è ben noto a tutti come la 'torta' delle risorse planetarie sia divisa in maniera vistosamente sbilanciata a favore di noi 'fortunati': siamo il 20% della popolazione ma consumiamo l'80% della ricchezza disponibile.

 

 

 

 

 

Nel '93, assieme ad un paio di famiglie a noi vicine sui fronti del Volontariato e della solidarietà, facevamo partire una simpatica iniziativa.

Siglata 'AD8' ('adotto'), l'iniziativa consisteva semplicemente nel pubblicizzare le Adozioni a Distanza, ovvero uno dei tanti possibili modi concreti di riequilibrare (almeno parzialmente) lo 'sbilanciamento' di cui sopra.
Le famiglie che aderivano all'iniziativa ricevevano in omaggio un set di simpatici biglietti da visita 'fotografici'.

A partire dalla meta' degli Anni 2mila, poi, si passa a promuovere le Adozioni a Distanza nella scuola dove mia moglie ed io insegnamo, coinvolgendo intere classi nella raccolta di offerte finalizzate al sostegno dei bambini 'seguiti' da varie organizzazioni missionarie:  dopo aver iniziato con 'AD8sezQ' (sigla relativa alla Sezione Q, appunto) al momento attuale l'attivita' e' stata ormai estesa a tutta la succursale collegnese del Liceo.

 

Si alla Vita


Un impegno decisamente più serio è invece quello della difesa della Vita Nascente: oggi, nella maggior parte dei cosiddetti 'paesi civili', una quantità impressionante di aborti (circa 150mila all'anno nella sola Italia) hanno paradossalmente transformato il grembo materno nel posto più insidioso che si possa immaginare, visto che le 'eliminazioni' in questione rappresentano il 25% rispetto ai 'nati vivi'.

 

Non mi piacciono gli arroganti (alla Scalfaro, per intenderci) che tuonano CERTEZZE e sparano ASSOLUTI: il fatto che l'embrione allo stadio di una sola cellula sia davvero una persona umana, mi rendo conto, non si può dimostrare 'matematicamente' (come nemmeno si può fare con l'esistenza di Dio). Per questo motivo, quindi, rispetto chi la pensa diversamente da me, come rispetto le nazioni che decidono di mandare a morte i delinquenti (a partire dalla 'democratica' Cina che ha un tasso annuale di esecuzioni sette volte superiore a quello dei 'cattivissimi' americani).
Quello che non sopporto, invece, è la vigliaccheria e la disonestà di chi falsifica dati oggettivi per portare le masse ad accettare con tranquillità lo sterminio di innocenti creature e le relative ripercussioni psicologiche negative, spesso devastanti, sulle donne che si sottopongono all'aborto.

 

Ecco qualche esempio:

  • 'Aborti in picchiata' (su Tempo Medico, Gen-2000, notizia riportata alla grande da tutti i TG nazionali)... mentre in realtà si tratta di una diminuzione dell'1% circa, rispetto all'anno precedente.
  • L'AntiLingua: importante punto di forza di un'Anti-Cultura falsa e disonesta.

 

 

 

 

 

 

Una 'spilla' particolare

riproduce in scala naturale

la pianta dei PIEDINI di un

essere umano a 10 settimane

dal concepimento.